Poeti Contemporanei

Benvenuti in Poeti Contemporanei, la sezione di Aloangaset.it dedicata alle poesie ed ai suoi autori.

4353 poesie pubblicate.

Di seguito le ultime venti poesie pubblicate dalla più recente.

Rothko (No.6 – Violet, Green and Red)

Annega nei cerchi d’acqua
lo sguardo di lavagna,
si punteggiano le vele
sulla campata storna
il tempestìo di solidi triformi,
sono specchi come pozzi
gli acquitrini di snidate campiture,
la gravità piega il tempo
dove riposa a lumi spenti
il cuore sempreverde di cicale.
Mal tempera la lima
una puntuta mina,
scompiglia la faglia intorta
di cartiglia dove rotolano
i fumetti di certune stanze,
la doppia sintesi del tarlo.

Fiotto di forme discolori,
moderavi la vista d’imperfette
piegature del geoide fumé
dove s’intaglia e s’attorciglia
la sottile zampa di una gru,
dove capitolò la stilla
nel baricentro di Foucault.
Sulla fronte di tramestate viole
entrò per sbaglio dall’altra porta
una parvenza di vinile
a misurare i crucci che sdegnavi.
E sia, dormendo,
il suolo di pània, è chiuso
il lampo nei cassetti dove sostava il sogno, la verità che s’imbluiva nel delta dell’assioma.

Thea Matera©️

DISAMORE

Ti distanzi dalle onde
dalla radianza di terre emerse,
stravagati mulinelli di corolle,
dal rosicchiolo corvino.
Nel frastuono di scarne spole
ricadono tre more
nell’incarto di parole,
il giardino inerte tace
la magagna di filaccia
e la luce pare strana
lungo il viale di mandaranci,
di lampioni strutti come limoni,
di vaiate lastre, inerpicate stanze.
Tangente il fedito fianco
al fiore dissennato
alla polpa di zinzania,
al grepo sorbo,
si perde l’orma del drappello
nella malerba di caerdroia,
se dimori il tempo sbroglia
il romorio stridulo di cingolati
nel passo terso di fenice,
siffatto screpo che mai si seppe
il marrirsi del contrappasso.

Thea Matera©️

Emozioni

Il mare d’inverno
steso sotto
un cielo
livido ascolta
l’eco delle onde,
rifugio melanconico.
Tuttavia un’esplosione
di vita, di colori
e crescita nel blu
degli sconfinati abissi,
in attesa dell’agognata
estate.
Quando il mare trasmette
nuove emozioni e il tremolio
delle onde spumeggianti
si insinuano nel cuore.
Per nascere, rinascere
a nuova vita e all’amore.

Luigia Ilari

Il tempo

Spirito giovane che continui
a donare splendore e allegria,
malgrado il tempo che scorre
in silenzio, arriva con calma
e come un sole tiepido
ti accarezza.
Ciononostante non hai infranto
la voglia di vivere,
nutri gioia nell’anima
e amore nel cuore.
Salpare con la nave dei sogni
senza perdere l’amore
per te stessa, riempire
gli anni di luce
restando aggrappata
a quel meraviglioso
dono che è la vita.

Luigia Ilari

Brama

La brama di avere sempre di più
ad ogni costo
rende orfana di ragione
la dignità e il rispetto
per il genere umano,
le altre forme di vita
e la nostra casa terrena,
resa spettatrice impotente
di disuguaglianze sociali,
guerre e le atrocità che queste comportano
mettendo a nudo
la parte peggiore degli uomini.
Continuare su questa strada
vuole dire oblio perpetuo.

LA SAPIENZA DEL FILO

La Poesia ci salvi

dal mormorio,

dallo squadro,

dal singulto della Vita.

 Thea Matera ©️

CALENDIMAGGIO

È Maggio sui roseti
della chiostra,
del cavedio rimurato,
è Maggio
sul bianco terso di risaie,
sullo zincone del pesco quieto,
sui crodati, sulla bussola,
sul tamarillo arsato.

Radiante birlo
nei globuli di Andromeda
il finato linum di lapislazzuli,
neralbo remiga un calabrone,
s’invola dal bosso di bordura.

Sbiocca sul baio stelo
il muzzo refolo di calathea,
si sfiorano gale
sul piancito, di radici
nell’invaso e sul mughetto.

È Maggio,
annotta l’emisfero sui collinari
sul fondo bigio dell’orologio,
contrae l’ovale,
in un’orbita sapiente,
il plenilunio.

Thea Matera©️

Intrico Di Disamina

Vi resti impigliato
nei cespiti delle ostilità poiché non hai
considerato prima
cambiare sentiero
e salvarti la pelle
da quei graffi
che lacerano l’anima
dal dolore che essi
inevitabilmente provocano, non è fredda indifferenza
ai grovigli della vita
ma è pura previdenza
per il proprio benessere
al dì la della loro
presenza
a porre a repentaglio
la pazienza
del cuore acume,
pronto a farne
perle profumate
di viburno, buddleja
e oleandro!
Poiché purtroppo
non sempre
son gemme di rose
ad abbellire il tuo essere
e ad allietare il sorriso
a causa di contingenze
non agognate,
ma sopraggiunte
per inadatte scelte
di una fatua disamina.

©Laura Lapietra

IL GLICINE DA VINCI (L’Anello Del Tronco)

Dalla colonna sale
il niello di velluto,
ruotano libellule
sopra il mento glauco
del fossile binario,
l’ornitio rinvolge
l’imbrunato nubilo.
Mi sorprende la fiumara
di glicini
e l’aurora di violino
sui Navigli,
i cespi di springeri
ordinati sui carretti,
la cenerognola schiribilla
in un volto di ametista.
I giardinieri tagliano
rami e ginestre,
gambi di craspedia,
i colletti di schizanthus,
e dal planisfero rampollano
barchette di carta
e girandole,
si ridesta l’ombra stagna.
S’appoggia, èlice giuntura,
allo smasso di puntelli
mentre finata si svergola
la forma conica del lucernaio.

Thea Matera©️

EBOOK “CARTEGGI PERPENDICOLARI” DI THEA MATERA – ON AMAZON

Libertà senza confini

Ci osserva il mare
dal blu profondo del suo animo.
La sua voce rilassante
ci invita a sognare a occhi aperti,
respiri che danno attimi di serenità,
la pace dell’ anima
che lunghi millenni di apprendistato
hanno negato al nostro modo di vivere
per colpa della nostra avidità
che cerca denari e potere infiniti.
Solo guerre su guerre
a portare dolore desolazione e morte
in terre sempre più deserti di speranze.
S. alzano frangenti d’ onda al cielo
modulati dai canti del vento
che vaga in cerca di nuvole erranti
per dare un sorriso alla speranza,
a occhi tristi che cercano amore e pace.
La libertà senza confini
in un cielo colorato d’ azzurro.

COURANTS (The Poet Recompensed)

Il poeta rimesta luminanze,
plasma la parola
e ne fa dono
al torso avvinto,
a chi ha dissolto l’iride
nell’ombra del travaglio,
a chi tiene la testa
fra due rebbi di pàlmola,
due incompite coste.
Innerva tele di corimbi
spigrisce il germe peritoso,
rispigola barbagli
per chi a giumella
tiene i palmi
nel grembo della notte,
nel nocchio rubello
della rodonèa di stami.

Thea Matera ©️

Sentimenti

Un intreccio
di sentimenti
contrastanti
incastonati
nella mente.
Arde il desiderio
prepotente
di fuggire
ascoltando
il mio cuore,
lì esiste solo
l’amore.

Luigia Ilari

La libertà

La libertà
è una conquista
di incommensurabile
valore.
La vera libertà
è essere
liberi dentro
l’anima,
nel proprio essere
è uno stato d’animo,
chi ha coraggio
è libero,
per perdersi, osare,
vincere ogni paura,
gettarsi verso nuove
esperienze.
Tela immacolata
tinteggiata
di un’infinità
di colori
contrastanti
mai sperimentati,
i colori
della propria vita.

Luigia Ilari

Attimo fuggente

Morte e distruzione
motto del Nuovo Ordine Mondiale,
destabilizzazione, inutili parole.
Sementi di povertà, alienazione.

L’ aristocrazia si veste d’ arroganza,
inganno per popoli ignari
che fuggir vedono la vita, i denari,
intristir tra chimere di speranza.

con respiri sereni sedermi su uno scoglio,
esprimere un piccolo ma grande desiderio
e veder onde di risacca

diventar delicate note su uno scoglio.
Fiorir nei colori di Primavera. Stupendo pensiero
che corre nel vento di bocca in bocca.

Il cuore che ferma l’ attimo fuggente.

Illusione

Illusione

Come un irrisolto
l’enigma mistero
spazia confini
nell’interstizio dei due cuori,
verticali assonanze
intersecati nei respiri flebili
dischiusi come ombrelli
a riparare dall’illusione cieca,
mentre suona mélo
il celtico cantico antico dell’universo astratto velleitario
nel fato di quegli occhi,
strade intrecciate
nello sguardo magnetico
dalle radici recise dal fuoco
della verace verità
che parla la lingua
della vita reale viscerale
a separare mani protese
l’uno per l’altra,
proteste al disincanto amore.
Come fumo liberatorio
che si libra in aria
quell’incenso del candelabro a quattro posti a evocare
aria e acqua, terra e fuoco,
così i loro olezzi dell’essere
si palesano ai loro petti
riscoprendo diversi
i loro pulsanti spiriti,
spiagge nel deserto del cuore
inviolate e inesplorate
ove ideare zattere dell’addio
che accarezza e materializza
la fine dell’illusione effimera
che plana verso il fango
della sua fasulla magia
nel palustre dell’inganno.
Esaltando le proprie ragioni
che slegano il nastro
del legame indissolubile
in due parti uguali…
Lui l’essenza della chimera
nell’etere fanatismo nel viaggio spazio temporale.
Lei l’equilibrio della ragione illuminata dalla fede
che vivifica la vita
nel tangibile reale
coi piedi in marcia sulla terra.
Ellittiche visioni personali
occludono il fluido sentire
dal manoscritto di quel amore
che destatosi dalla sua fulgore eccitazione,
ne firma il capolinea dell’illusione!

© Laura Lapietra

THYMÒS

Temi il silenzio
che non s’appunta,
la geografia dimensionale,
la parabola ascendente,
la riga di sudore della siepe,
la falce crescente di zaffiro.

Tace la commedia,
la vividezza del ritorno
di un futuro semplice incostante,
ad un punto dal presente,
forse un passo d’imperfetto
dell’iperbole anteriore.
Lista il foglio bianco antico,
che si schiara biancocadmo,
perlescenza biancofumo,
invisibile catrame,
come polvere oltremare.
Va in tondo esagonale
l’illusione del confronto,
imperdonabile retrivo
di modelli superati,
prospettive del frastaglio
del larice mutante.

Thea Matera ©️

FLÂNEUR

La città, vuota senza poesia,
una finestra buia.
Non s’infiora il prato,
si smaga il verso,
vago limbo.

Thea Matera ©️

Magico amore

Il tuo sguardo
irrompe impetuoso
sino ad arrivare
nel profondo
della mia anima,
il suono
della tua voce,
melodia
del mio cuore.
Tu meraviglioso
amore, raggio
di sole
della mia vita.

Luigia Ilari

Canto D’amore

Parole profuse
nel tuo cuore
quelle mie,
mentre incidono
le sue note dediche
nel tuo animo lene.
Poderosi suoni come
onde ammalianti per
conquistare e sorprendere
la tua blanda essenza,
solo ed unicamente
per decantarti
quanto il mio amore
quando intona
un sentimento,
possa essere magnetico
per attirati
nel mio vortice d’emozione,
solo ed unicamente
per decantarti
quanto il mio amore
quando respira una trepidazione,
possa essere sublime
se vissuto
solo insieme a te.

©Laura Lapietra

Foglio

Sarò foglio bianco
ove scriverai
con la penna d’anima
le tue rime meravigliose.
Ma poi lo straccerai
insieme al mio cuore
e butterai al vento
la sua essenza,
allorché sarà,
diventerà,
la mia assenza
nell’eterno del tuo pencolare.

©Laura Lapietra

Pubblicità

Seguiresu Twitter

Categorie

Archivi

Pubblicità

Secured By miniOrange