Ricordi

I ricordi arrivano nel silenzio, lontani dalle parole, lontani dal contesto, ma arrivano… anche se non sempre sei disposto a ricordare.

Ricordi

…Le piaceva ascoltare in silenzio i bisbigli del vento e il sibilo del mare.
Correre in spiaggia, mentre il vento le accarezzava il viso e le faceva volare i capelli ricci.
Non potrò mai scordare quella ragazza a cui piaceva ascoltare i bisbigli del vento e il sibilo del mare…

Ricordi

La passeggiata in piazza
le pieghe della sera e della notte ancora doloranti
Qualcosa di tuo albeggia
come la guglia del monastero
Stamane ho raccolto un po’ di pensieri
li ho trascinati allo scoperto
dietro la staccionata
una carezza
Una vetrina si accende
mi spaventa il mugugno del vento
pur se ha il broncio della primavera.
Ascolta , ricordi la gioia che intriga i miei capelli
le parole danzanti in quella pace esclusiva
Ricordi il colore del giorno
la sabbia ridente sull’ orlo della spiaggia
Tu che battevi i ciottoli come un viandante
io che ti amavo
come un sardina ama il mare
Ricordi le lancette aggrovigliate dell’ orologio
mentre il sole incupiva e la notte facevamo prigionia
Gli abbracci come morsa
animali notturni sbranavano innocenti
spostavi le lenzuola, fendevi il bacio.

Ricordi

Eh si…

Vuoto che tormenta
intrecciato su una sedia
di paglia,
ogni ricordo si sfila
seguendo la melodia
di un sorriso nostalgico.
Giorni ove memoria laboriosa
lievita tenere gemme di frumento.
Pane di vita il ricordo della Assenza, che nella Presenza
la ricerca dell'arché conquista
il vessillo degli occhi.
Sono lacrime, ricordi sciolti dal caldo silenzio.
Theo John
PoetaScalzo44

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento