Le mie feste,ansie da paure inconsce (Autobiografica 29.12.2019

Traguardi senza fissa dimora
spostati in avanti dal Fato
che appena raggiunti
divengono miraggi in lontananza
a farmi sentire vittima delle false illusioni
Schiacciato dai miei tormentati disordini
e affascinato dal mio maledettismo
vivo questi giorni di festa
soffrendo le mie fragilitá
intrise d'inferioritá e di passioni abortite
in cui la mente patisce l'anima
inaridita dentro cornici d'interioritá
insudiciate dal suo esser assente
alla vita e alle sue emozioni
Apatie consumate a luci spente
oppresse da affanni sconosciuti
nell'oscuritá di vuoti spazi d'orgoglio
che risucchiano il calore della vita
E cangianti sfumature d'orizzonti
nell'epica della quotidianitá
assalgono il cuore malandato
nel ricordo dei battiti del recente passato
che riconoscono in quegl'istanti
dolci felicitá divenute ormai amare visioni
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento