L'alba

Al primo bagliore dell'alba
l'onda si infranse
contro un cumulo di pietre.
Il ranocchio con le sue
gambette sottili
scivolava tra un sasso e l'altro.
Le alghe si allontanavano
e ritornavano sugli stivali
di gomma del pescatore
mentre assonnato e scomodo
preparava l'amo pensieroso.

l'alba

Alba
d'un obliato giardin il graffio del fragor odi
mentre attardansi sinestesiche melodie
e da esausta penna evaporano
sintassi eternamente rinnegate.
di intarsiate, inattese e disarmoniche
nibelunghe incursioni
l'ormai impolverato tratto scorgi e sorreggi
sul lacrimenvol agitarsi d'antiche stoviglie
di pranzi che mai fuor celebrati vegli;
più 'l saluto suo non concede
il lieve tintinnar delle favole
che in avide pupille bambine scintillano
e in uno sciabordar d'equine corse
t'abbeveri come a recarti a domar
il fruscio del giorno
che dominar non saprai.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento