Il tempo

05/01/2020
Il tempo

Il tempo sembra che si sia fermato
la pandemia ci sta annullando di vivere la vita

Nessun abbraccio nessun contatto sembriamo tutti estranei anche fra parenti.

Negozi chiusi

Strade deserte e silenziose

Quando torneremo a vivere?

Troppe restrizioni
Troppi DPCM

Dobbiamo vivere o morire?

Solo Dio lo sa .

Speriamo solo di tornare alla normalità

e ciò che un tempo ci sembrava scontato adesso ci manca

Solo così possiamo capire ciò che conta davvero.

Maria Concetta Terracina

Il tempo

05/01/2020
Il tempo

Il tempo sembra che si sia fermato
la pandemia ci sta annullando di vivere la vita

Nessun abbraccio nessun contatto sembriamo tutti estranei anche fra parenti.

Negozi chiusi

Strade deserte e silenziose

Quando torneremo a vivere?

Troppe restrizioni
Troppi DPCM

Dobbiamo vivere o morire?

Solo Dio lo sa .

Speriamo solo di tornare alla normalità

e ciò che un tempo ci sembrava scontato adesso ci manca

Solo così possiamo capire ciò che conta davvero.

Maria Concetta Terracina

Il tempo

Il tempo è inafferrabile
Inaffidabile
Cadono le stelle
Dal cielo
Si posano su noi
Che viaggiamo
Tutti divisi
Sulla stessa strada
Distruggiamo la natura
Odiamo il diverso
Stemperiamo le parole
Messaggi di odio
Adoriamo falsi miti
Ma soprattutto
Ci affidiamo a falsi
Capitani di propaganda
Facilmente affondiamo
Nelle tenebre del medioevo
Stanchi assonnati pallidi
Rotoliamo verso la meta
Attraversiamo tempeste
Ne usciamo più deboli
La fine della vita
Arriva senza annunci
La campanella suona
Annuncia la libertà.

IL TEMPO

Fiume corrivo il tempo …!
in cui si specchia il cielo
il mare, i monti, il verde
dei campi e delle siepi …

le strade silenziose
e le assordanti arterie
pullulanti di vita
di miti e di misteri …

il nido tra le fronde
e il volo dello zigolo …
i moti or tristi or lieti
dei venti e delle nuvole …

e con gli oscuri accordi
di promesse e di sogni
questa assidua vicenda
del sole e della luna.

Nicola LETIZIA

Il tempo

Questa notte ho visto un angelo
cantava alle orecchie dei dormienti
evocava sogni struggenti
amore odio e serpenti.
Mi si avvicinò e stringeva tra i denti
i ricordi di questi giorni dispersi.
Scappando da questi eventi
mi accorsi di portare in me paure d’altri tempi.
Allora fermo sul mio tempo mi giro,
lo guardo e canto
“canto l’inno delle mie paure
rifugiate dietro queste dune,
alzati o vento soffia perfetto
elimina ogni mio difetto
disperdi nel tempo
le angosce che ho nel petto.
Portami dal mio amore
guidato dal mio cuore
o tu padrone …”
L’angelo guardò in alto
come in attesa di un verdetto e disse:
“…allora…ecco a te…il tempo…”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento