Anch'io,come d'altronde tutti noi,sarò dimenticato.

Il senso intimo
del mio andar per versi
si spiegherà solo
dopo averlo percorso
e sarà compreso
da chi avrà la capacità
di leggerlo a ritroso.
Al momento,
senza rabbia vivo i miei giorni,
vulnerabile nelle emozioni,
con le lacrime a bruciare
senza esser piante,
seppur distorto nei desideri
e compatito nella generosità.
E a nulla serve
il calore di questi oggi
se non ad alleviare
il freddo oblìo
che abbraccerà tutti i domani.
.
Cesare Moceo eterno ragazzo del 53
Destrierodoc senza voler essere Poeta
@ Tutti i diritti riservati

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento